email

categoria scarpeAbbiamo visto nella sezione, La tecnologia della scarpa, come sono composte le scarpe da running, proprio dall'insieme di queste differenze si creano prodotti molto diversi tra loro adattandosi quindi alla specificità dello sport e a quelle fisiologiche dell'atleta. La catalogazione delle scarpe viene effettuata in base al peso ed alla presenza di sistemi antipronazione, esse quindi si suddividono in:

Super legere
Intermedie
Massimo ammortizzamento
Stabili

Super legere: Sono le scarpe da gara, permettono la massima performance del corridore,leggere e flessibili,sono costruite con i criteri dell'essenzialità, non superano i 250grammi considerando la misura di riferimento maschile US9, la loro forma è un pò curva per consentire al piede una grande libertà di movimento, non hanno sistemi di protezione e stabilità, sono consigliate per chi corre veloce e non ha problemi di appoggio.

Intermedie: Appartengono alle intermedie quelle scarpe il cui peso varia tra i 250 e i 290 grammi, hanno un'impostazione simile alle veloci ma presentano una struttura più stabile ed ammortizzante, inserendo a volte dei piccoli sistemi di controllo. Hanno un buon compromesso tra la stabilità del retropiede e flessibilità dell'avampiede. Per le persone leggere ed in forma sono ottime per l'allenamento, per i più pesanti possono essere usate tranquillamente come scarpe da gara.

Massimo ammortizzamento: Il peso di queste scarpe varia tra i 300 ei 400 grammi, presentano una forma dritta o semi curva con un buon dislivello tra avampiede e tallone salvaguardando tallone, tendini e articolazioni. Sono adatte per l'allenamento degli atleti con appoggio neutro o per i supinatori, (appoggio in inversione), non hanno sistemi di correzione dell'appoggio.

Stabili: Le stabili presentano nell'intersuola dei sistemi che si oppongo all'eccessivo cedimento del piede e quindi a limitare l'iperpronazione di un atleta, il loro peso come per le massime ammortizzate si pone tra i 300 e i 400 grammi, la forma della scarpa è dritta per sostenere meglio l'arco plantare. Ovviamente sono fortemente sconsigliate per chi ha problemi di inversione.