email

fascite plantareE' una infiammazione che riguarda i fasci fibrosi del piede, tipico problema che può insorgere in un runner, questi fasci sono molto resistenti, partono dal tallone del piede fino ad arrivare alle dita. Una eccessiva sollecitazione del tallone durante la corsa provoca una infiammazione di questi fasci che può localizzarsi nello stesso o estendersi in tutta la pianta del piede. Il dolore può insorgere al centro del tallone o al centro piede,alcune volte l'intensità del dolore è tale da limitare anche la normale camminata. Una altro motivo che può provocare l'infiammazione può essere anche la ridotta estendibilità del tendine di achille a seguito di una precedente infiammazione o rottura non ancora curata bene, oppure perchè può esserci una considerevole discrepanza tra i km percorsi e la propria preparazione atletica,

un'altra causa nell'amatore può essere l'eccessivo peso quando si corre molto lentamente, infatti in questo caso il carico di lavoro della pianta del piede è maggiore, l'ideale sarebbe per un runner con un peso non indifferente di correre in modo più sostenuto, anche se la corsa è più impegnativa, in questo modo si diminuisce il tempo d'appoggio della pianta del piede, questo però non deve generare al contrario sovraccarichi di lavoro, in questi casi comunque bisogna fare attenzione nello scegliere delle scarpe protettive.
La fascite plantare si cura quasi sempre con assoluto riposo per un periodo che va da sei settimane fino a tre quattro mesi. Anche qui non bisogna incorrere nell'errore di riprendere la corsa prima che il dolore sia scomparso del tutto perchè anche se il dolore non è acuto come quando la fascite ha costretto a smettere l'attività, bastano pochi allenamenti per ritornare indietro al punto di partenza.